Speed date fotografico con Pepper & Love

Scuola di Boudoir

Un video disturbante in tutti i sensi !
Un incontro tra uomo e donna?
Una gara a tempo ?
Un contest fotografico ?
Un’indagine antropologica?
Tutto questo e molto altro in un contest provocatorio mai realizzato in Italia, un evento fuori dai confini del logico, del già visto, della fotografia.
Una sfida fotografica all’insegna del divertimento e del confronto tra uomini e donne, con una marcia in più: lo sguardo maschile è diverso dallo sguardo femminile nel rappresentare la donna ?

Pepper & Love impreziosisce l’evento SPEED DATE FOTOGRAFICO con i suoi capi di lingerie.
Guarda il video sotto e per conoscere i dettagli della sfida clicca qui

View original post

ITALIANE A PARIGI – Shoot Boudoir

Scuola di Boudoir

Da quest’anno parte un nuovo progetto: Scuola di Boudoir realizza servizi fotografici Boudoir in hotel esclusivi, per le donne italiane che vivono a Parigi.
Si incomincia il 9 ottobre 2021 vedi i dettagli

View original post

Intervista Fotografia Moderna a Micaela Zuliani

Scuola di Boudoir

Cliccando sotto trovi un’approfondita intervista alla fondatrice di Scuola di Boudoir.

View original post

I 20 migliori siti internazionali di fotografia Boudoir

Fotografia Moderna stila un elenco dei 20 siti migliori di fotografia Boudoir a livello internazionale, c’è anche Scuola di Boudoir 😉
Qui trovi l’intervista approfondita realizzata a Micaela Zuliani.

clicca per accedere

Micaela Zuliani: “La fotografia boudoir per amarsi e accettare se stesse”

Attraverso il suo obiettivo, Micaela Zuliani aiuta le donne ad amare il proprio corpo e rinforzare l’autostima. La fotografa, originaria di Verona, ha fondato la “Scuola di Boudoir” con uno staff tutto al femminile e tiene corsi di formazione professionale per fotografi e modelle in tutta Italia. Insegna a posare e a ritrarre il soggetto nella maniera meno stereotipata possibile. Da una decina di anni fotografa donne di ogni tipo e di ogni età: dalle curvy, alle donne con disabilità e alle over 60. Lo scopo è quello di abbattere le discriminazioni e di imparare a piacersi nonostante imperfezioni e cicatrici.

(a cura di Eleonora Giovinazzo)

Serata d’autore CFO parlando di Boudoir

Femminile Singolare gioielli

Scuola di Boudoir

Tra i vari servizi offerti, Scuola di Boudoir realizza campagne pubblicitarie mirate a promuovere brand nel settore dell’abbigliamento intimo e non, gioielli, complementi d’arredo, location, utilizzando un linguaggio artistico e unico nel settore.

Ecco la campagna pubblicitaria realizzata per il marchio Femminile Singolare.
Lo spirito e’ quello di quando si e’ bambine che si guarda, si gioca con le cose, con i gioielli della mamma, con la realtà, in un modo fisico, fresco, innocente, fuori dalla logica. Ma anche quello di unire il corpo femminile (rappresentato in modo astratto) con l’eleganza dei gioielli di Femminile Singolare. La splendida modella e’ la nostra Henryka, @henryka_glow.
Un’ulteriore visione artistica è stata offerta dalla nostra collaboratrice Luisa Cittone , illustratrice di Arte Erotica, che ha realizzato un’opera unica per Femminile Singolare. (sotto)
Sito Femminile Singolare gioielli http://femminile-singolare.com/
Instagram @femminilesingolare

View original post

Come realizzare SET BOUDOIR

Scuola di Boudoir

Scuola di Boudoir vi mostra in questo video come creare diversi set Boudoir per i vostri servizi fotografici.
Scuola di Boudoir, la prima e unica scuola del settore.
Micaela Zuliani fondatrice e insegnante Boudoir , opera dal 2010.
http://www.scuoladiboudoir.com
http://www.micaelazuliani.com

View original post

Scelta delle foto Boudoir condivise sulla rivista

Scuola di Boudoir

NO DAI 
il commento più ricorrente quando vedo foto . Mi mancava la foto boudoir elegante in cui lei faceva al lui le “pratiche orali” [uso questo termine solo perchè so che vi scandalizzate se scrivo schietta 😁) e lui seduto comodamente sul divano. Per carità bella luce, arredamento di lusso ……………… ma boh, anche no. 😁
Per me Boudoir è l’anticamera dell’eros mentale, se tutto e’ dichiarato, esplicito, non mi scandalizzo, ma mi annoio perchè 24h su 24 siamo bombardati da foto volgari che rappresentano la donna come oggetto sessuale. 
Se questa sovraesposizione dell’immagine femminile fosse bilanciata dalla sovraesposizione dell’uomo erotico, che per vendere il dopobarba deve mostrare il sedere forse lo accetterei di più. Ma fino a che le cose non cambiano, vorrei differenziare il Boudoir da Playboy o simili.
Per questo motivo sulla rivista che curo @fotografiaboudoiritalia
per scelta non condivido foto macro di parti intime, di allusioni sessuali…

View original post 62 altre parole

LA PRIMA SCUOLA DI BOUDOIR IN ITALIA

LA PRIMA SCUOLA DI BOUDOIR IN ITALIA per fotografi e per modelle.
I corsi sono rivolti ai professionisti che vogliono approfondire un settore in forte crescita come quello del Boudoir, o chi desidera riposizionarsi sul mercato del lavoro, o semplicemente chi ha la passione per la fotografia, che sia fotografo/a o modella.
I corsi per aspiranti modelle hanno come obiettivo quello di ottenere una migliore consapevolezza di sé, utilizzando la fotografia come strumento di conoscenza, ricerca, benessere verso se stesse per migliorare o acquisire quella Libertà individuale e di Donna, indispensabile per poter stare bene con se stesse e con gli altri; di trasformare il proprio talento e la propria femminilità in una vera e propria professione.
I corsi possono essere individuali o di un gruppo (massimo 3 persone).

I corsi (workshop e mentoring) sono prevalentemente ESPERENZIALI, si differenziano quindi dal modello tradizionale dei corsi di fotografia:
1) si parte dall’IO: comprendere chi siamo come persone e chi siamo come fotografi; mettere a fuoco il proprio stile a seconda del temperamento che abbiamo;
2) si prosegue con l’ALTRO : comprendere chi è il soggetto che abbiamo di fronte, intuendone la personalità;
3) ci si concentra sul NOI : creare una connessione, relazione tra noi e l’altro per ottenere una fotografia che racconti si il soggetto, (come noi lo vediamo/interpretiamo) unendolo al nostro vissuto.
Il percorso necessariamente è un percorso a due, in cui il fotografo osserva, intuisce e dirige l’altro, non imponendosi ma accompagnando il soggetto a offrirsi all’obiettivo.
L’approccio del corso è psicologico e solo successivamente fotografico.
Per questo motivo i corsi hanno un numero ristretto di partecipanti, massimo 3, proprio per agevolare questo percorso di conoscenza e di messa in gioco degli autori stessi.”
Offrono le basi per fotografare ogni tipologia di donna senza esperienza di posa, stimolano a guardare l’unicità di ogni soggetto e raccontarne la bellezza e il carattere.
Date e info: www.scuoladiboudoir.com

INSEGNANTE
Micaela Zuliani fotografa ed insegnante, conosciuta a livello nazionale e internazionale, fotografa ogni donna senza esperienza di posa.
Membro dell’Associazione Internazionale Boudoir Fotografi, 10 anni di esperienza in questo settore la fanno essere un punto di riferimento, per i fotografi e per le modelle.
Diffonde dal 2010 il Boudoir in Italia, promuovendo una fotografia di Donna libera, autentica, senza discriminazioni e senza ritocchi estetici con photoshop.
Ha realizzato importanti campagne sociali sulla donna, riscuotendo un notevole interesse sui più famosi media (Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, IlSole 24ORE, La Repubblica, Vanity Fair, Sette, La Stampa, Italia Post, in tv Rai2).
Ha vinto il premio al Web Marketing Festival 2016 con il progetto “Boudoir Disability”
Scrittrice di 5 libri di fotografia (dalla manualistica per ragazzi al ritratto professionale).

La 1° rivista in Italia di settore

Fotografia Boudoir Italia magazine è ad oggi  l’unica rivista specifica di Boudoir ed è gestita da Scuola di Boudoir prima e unica scuola in Italia del settore.
L’intento di questa rivista è quello di:
– promuovere, diffondere e migliorare il livello qualitativo e professionale della fotografia Boudoir, un settore in forte crescita, proponendo contenuti utili, quali rubriche, articoli, interviste, per lavorare in questo settore garantendo standard sempre più elevati. 
– offrire uno scambio di informazioni concrete tra i fotografi operanti sul territorio nazionale e quello internazionale, grazie alla collaborazione con l’AIBP Association of International Boudoir Photographers. 
– garantire maggior tutela alla competenza, attraverso una vetrina seria e selezionata di professionisti a cui rivolgersi.
Lo staff è tutto al femminile, impegnato ad offrire e proporre contenuti di  interesse.
Scuola di Boudoir è inclusiva: si rivolge ad ogni tipologia di Donna, senza discriminazione di età, corporatura, abilità/disabilità, promuove una Donna autentica, che non ha bisogno di modificazioni artificiose con photoshop; si occupa di campagne sociali a favore dell’identità sana della Donna. 

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è portraitdefemme_base.jpg

Titolare di Scuola di Boudoir è Micaela Zuliani, fotografa e insegnante, conosciuta a livello nazionale e internazionale: diffonde dal 2010 il Boudoir in Italia ritraendo ogni donna senza esperienza di posa.
Dal 2018 è membro dell’AIBP Association of International Boudoir Photographers, e membro di Boudoir International: 10 anni di esperienza in questo settore la fanno essere un punto di riferimento, per i fotografi e per le modelle.
Ha realizzato importanti campagne sociali sulla donna, riscuotendo un notevole interesse sui più famosi media (Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, IlSole 24ORE, La Repubblica, Vanity Fair, Sette, La Stampa, Italia Post, in tv Rai2).
Ha vinto il premio al Web Marketing Festival 2016 con il progetto “Boudoir Disability”.
Scrittrice di 5 libri di fotografia (dalla manualistica per ragazzi al ritratto
professionale).

SCUOLA DI BOUDOIR

I CORSI della Scuola di Boudoir
Sono rivolti ai professionisti che vogliono approfondire un settore in forte crescita come quello del Boudoir, o chi desidera riposizionarsi sul mercato del lavoro, o semplicemente chi ha la passione per la fotografia, che sia fotografo/a o modella, [anche over40/50/60].
I corsi per aspiranti modelle hanno come obiettivo quello di ottenere una migliore consapevolezza di sé, utilizzando la fotografia come strumento di conoscenza, ricerca, benessere verso se stesse per migliorare o acquisire quella Libertà individuale e di Donna, indispensabile per poter stare bene con se stesse e con gli altri; di trasformare il proprio talento e la propria femminilità in una vera e propria professione. 
Scuola di Boudoir, una scuola che insegna a TUTTE LE DONNE senza discriminazione di età o fisicità, l’arte della posa sensuale, dandosi all’obiettivo in modo consapevole, sexy e insegna ai fotografi l’approccio più efficace per entrare in connessione col soggetto creando delle fotografie uniche, che parlano e profumano di autenticità e Donna.

Possono essere individuali (mentoring) o di un gruppo (massimo 3 persone), sono prevalentemente esperenziali e si differenziano quindi dal modello tradizionale dei corsi di fotografia: 
1) si parte dall’ IO: comprendere chi siamo come persone e chi siamo come fotografi; mettere a fuoco il proprio stile a seconda del temperamento che abbiamo;
2) si prosegue con l’ALTRO : comprendere chi è il soggetto che abbiamo di fronte, intuendone la personalità;
3) ci si concentra sul NOI : creare una connessione, relazione tra noi e l’altro per ottenere una fotografia che racconti si il soggetto, (come noi lo vediamo/interpretiamo) unendolo al nostro vissuto.
Il percorso necessariamente è un percorso a due, in cui il fotografo osserva, intuisce e dirige l’altro, non imponendosi ma accompagnando il soggetto a offrirsi all’obiettivo. 
L’approccio del corso è psicologico e solo successivamente fotografico. 
Per questo motivo i corsi hanno un numero ristretto di partecipanti, proprio per agevolare questo percorso di conoscenza e di messa in gioco degli autori stessi.”
Offrono le basi per fotografare ogni tipologia di donna senza esperienza di posa, stimolano a guardare l’unicità di ogni soggetto e raccontarne la bellezza e il carattere.

66378507_202476797401776_7514995966773035008_n copia

Boudoir, erotismo, pornografia. Il confine dell’arte.

Il confine tra ritratto, fotografia sensuale, boudoir, erotismo, nudo, pornografia è molto labile, non è tanto il cosa si rappresenta (nudo o vestito) ma il come. Il come influenza enormemente il risultato, dando una accezione volgare o elegante all’opera realizzata.
Un nudo ispirato alla scultura greca o alla pittura può essere estremamente elegante, armonico, un piacere da guardare. Anche il tipo di luce scelta incide nel risultato, ad esempio la luce naturale sembra una carezza sul corpo, sulla sinuosità della donna o dell’uomo ritratto.
Al contrario un soggetto completamente vestito ma in pose eccessive, volgari, senza senso, imbruttiscono l’immagine finale.
Poi certo può essere una scelta condivisibile o meno.
Tinto Brass per alcuni può essere considerato volgare per altri semplicemente più fisico, audace, con una rappresentazione della donna più carnale, goduriosa e consapevole di sè mentalmente e nell’accettazione delle sue forme burrose.
Ecco che la fotografia boudoir può essere essa stessa erotica, accentuando ad esempio l’intensità della seduzione dello sguardo ritratto.
La domanda più ricorrente che mi sento fare sia ai corsi che tengo sia ai servizi fotografici commissionati è “Cosa vuol dire esattamente Boudoir?” oppure fotografi emergenti che si sentono criticati sui social perchè la loro fotografia per altri colleghi non sembra rientrare nella definizione di “foto boudoir”.
Il problema è che siamo schiavi dell’etichetta, del così è definito (da altri), che non si è più liberi di sviluppare quell’apertura mentale necessaria per rappresentare le varie SFUMATURE della sensualità, dell’erotismo che convivono interiormente nel soggetto da ritrarre, ma anche in noi che creiamo.
Fotografia Boudoir Italia magazine, intende il Boudoir scevro da etichette, discriminazioni di taglie, età, abilità disabilità, ma si concentra nel racconto del soggetto nella sua unicità, evidenziandone l’aspetto sensuale, che può in alcuni giorni trasformarsi in erotico, audace o intimista.
Ecco che nudo, erotismo, boudoir si sfiorano e si confondono perchè ciò che conta alla fine è solamente rappresentare la Donna.

Micaela Zuliani dal 2010 diffonde in Italia la fotografia Boudoir e rompe con ogni conformismo di bellezza.

Fin dagli esordi della sua attività, Micaela Zuliani titolare e fotografa di PORTRAIT DE FEMME ® lotta per abbattere ogni discriminazione e pregiudizio e lo fa proprio con il Boudoir, grazie ai suoi tanti progetti e campagne sociali, per citarne qualcuna: Boudoir Disability, Portrait de Femme Therapy ed oggi Boudoir over 60.
https://www.micaelazuliani.com/portraitdefemme

Ecco l’intervista fatta da reflex-mania a Micaela Zuliani, che non solo è la fotografa di boudoir più conosciuta in Italia, ma anche quella che più di ogni altro ha contribuito negli ultimi anni a rendere popolare questo genere.
La sua lunga intervista, per la quale la ringrazio davvero, mi ha davvero colpito, soprattutto per una caratteristica secondo me davvero poco comune: in qualche modo rispecchia perfettamente il genere fotografico per cui Micaela è famosa.
Dal colpo di fulmine per la fotografia alle esperienze negative che la hanno condizionata personalmente e artisticamente, dall’introduzione del genere in Italia al successo del progetto Boudoir Disability, dal rapporto con i soggetti fotografati a quello con sé stessa e con i suoi allievi, Micaela ci regala infatti oggi non tanto, o non solo, un elenco delle sue esperienze e una “lezione” sulla fotografia, ma il ritratto intimo di una fotografa con un coraggio di mettersi in gioco che davvero le invidio!
E forse è proprio questa nota del suo carattere a permetterle, più di ogni altra, di aiutare i suoi soggetti e i suoi allievi a liberarsi, rispettivamente davanti e dietro all’obiettivo, e a vivere in pieno l’emozione “sottile e potente” della fotografia Boudoir.

Qui tutta l’intervista : https://www.reflex-mania.com/micaela-zuliani-boudoir/

UN TRAGUARDO IMPORTANTE CONTRO OGNI TIPO DI PREGIUDIZIO !

*** UN TRAGUARDO IMPORTANTE ***
Portrait de Femme e il noto marchio di lingerie Christies, hanno ufficialmente stretto una collaborazione per un progetto innovativo, mettendo al centro l’unicità di donne diversamente abili, abbattendo pregiudizi e discriminazioni verso la disabilità, perché la femminilità è un modo di sentirsi, è un saper essere, che parte da un’accettazione profonda e non da una perfezione superficiale. Nell’ambito dell’iniziativa, a quattro donne diversamente abili verrà offerta la possibilità di essere protagoniste di un servizio fotografico Boudoir, realizzato da Micaela Zuliani, fotografa e titolare del brand Portrait de Femme. Lo shooting è in programma per l’autunno 2016 e si svolgerà negli spazi Cross+Studio Milano. Le modelle verranno truccate, fotografate e indosseranno i capi Christies.
Le donne che vogliono candidarsi per poter partecipare possono inviare una mail a info@portraitdefemme.it , specificando nell’oggetto “progetto Portrait de Femme – Christies” raccontando qualcosa di se stesse, allegando una foto intera e un primo piano e scrivendo il motivo per cui vogliono partecipare.

christiesboudoirdisability.jpg

Riconoscimenti a livello mondiale!

Grandi soddisfazioni ! Oggi Boudoir International ha dedicato un post sulla loro pagina di facebook complimentandosi per “l’incredibile lavoro” di Micaela- Portrait de Femme.

Fotografia Boudoir Italia con Portrait de Femme è nell’esclusivo portale di Boudoir International http//www.boudoirinternational.com/boudoir-photographers/milan-italy-boudoir-photographer-portrait-de-femme/

30740472_450796942007446_8394043141263726208_n30740605_450796998674107_1919905639452328932_n.jpg30724753_450796968674110_2036502961463115181_n.jpgschermata-2018-04-03-alle-16-38-12.png

schermata-2018-04-03-alle-17-07-59.png

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: