About

Cosa vuol dire Boudoir ?
Fotografia Boudoir significa giocare con la propria femminilità e sensualità. Ciò che identifica questo tipo di fotografia NON E’ indossare un certo indumento più o meno provocante, ma usare la propria sensualità attraverso uno sguardo, una postura, un movimento delle proprie mani per raccontare chi siamo….

Vuol dire RACCONTARSI, attraverso una fotografia intimistica del proprio essere donna, questo lo si può fare secondo le proprie preferenze con un abbigliamento casual, in abito, in lingerie oppure un nudo artistico.

Il Boudoir è una forma di libertà sottile e potente: non si tratta di fotografare la donna svestita per assecondare il desiderio dell’uomo, bensì la donna si vuole far fotografare così com’è, con le sue peculiarità e le sue imperfezioni, si autocelebra in modo sano, autentico, libero e lo fa per se stessa in modo orgoglioso, fiero, spesso dopo aver passato anni a criticarsi, non accettarsi, o a lottare contro malattie gravi.

E ’ un inno all’autenticità : tutte le donne fotografate sono belle naturalmente senza post produzione estetica invasiva: la politica infatti di PORTRAIT DE FEMME ® è quella di non ricorrere all’utilizzo di Photoshop, ma con un uso sapiente di luci, pose, capi indossati, riuscire a valorizzare la donna che si vuole fotografare.

La componente indispensabile nel Boudoir è l’ IRONIA, il prendersi gioco di se stesse davanti all’obbiettivo, la seduzione condita da un pizzico di pazzia, irriverenza e divertimento. Ma è anche la legittimazione dell’essere Donna con gusto, armonia, delicatezza, forza, malizia espressa con garbo.

Un modo questo per staccare dalla vita di tutti i giorni e conoscere altri aspetti della propria personalità.

Per questo tipo di fotografia non basta una buona conoscenza della tecnica, l’approccio con le donne fotografate prevede una buona dose di psicologia, empatia, complicità.
Il mio desiderio è quello di far si che le donne siano sempre più libere di essere se stesse, di far pace o giocare con la propria femminilità, caratteristica questa che non può e non deve soffocare.

Il Boudoir non nasce oggi!
Fin dall’Ottocento si è ritratta la donna in pose sensuali creando a tutti gli effetti un Boudoir pittorico come Tiziano, Rembrandt, Renoir, Rubens, Velasquez, Coubert e molti altri.
Anche in fotografia sempre nell’Ottocento vennero realizzati i primi nudi femminili, ritratti con il metodo di Daguerre, la circolazione di queste “cartoline” fu al centro di molte controversie e in molti paesi vennero censurate.
Un ulteriore cambiamento del modo di rappresentare la donna avvenne con il fenomeno “Pin Up”, in cui la donna appariva più sensuale, erotica, maliziosa ma dolce. Le pin up hanno rivoluzionato il concetto di bellezza, dando corpo ad una nuova icona di femminilità, quella della “ragazza della porta accanto”, con curve morbide e sinuose, che non ha paura di giocare con se stessa.

Micaela Zuliani
titolare e fotografa di PORTRAIT DE FEMME ® Studio Boudoir
www.portraitdefemme.eu