blog Magazine

L’eros italiano arriva in Romania con la modella Andreea Lozincă

Fotografia Boudoir Italia magazine non può che essere orgogliosa e felice di un ulteriore abbattimento delle barriere, mentali, fisiche, culturali e perchè no un indiretto riconoscimento d’interesse a livello internazionale.
Oggi parliamo nuovamente dell’innovativo progetto Il Ritratto dell’eros a cui ha partecipato la vulcanica Andreea, che come altre sue sfide ha voluto vivere in prima persona. Metterci la faccia sempre e dare un esempio positivo, questo il suo motto , ma riportiamo l’intervista pubblicata sul quotidiano nazionale rumeno sotto, tradotto (perdonerete) con Google.
Sotto trovate la copia cartacea e quella online su cui è stata pubblicata l’intervista.
Micaela Zuliani, fotografa e Luisa Cittone in arte Supercittons, illustratrice d’arte erotica, hanno avuto il piacere e l’onore di conoscere Andreea il mese scorso, in occasione del folle ed anticonformista progetto artistico “Il Ritratto dell’eros” che trovate qui e che vede Andreea ritratta distesa sul tavolo nella sua totale ed autentica bellezza (copertina del giornale).

traduzione dell’articolo
Modella rumena con piede amputato: “Voglio aiutare le donne a vedere il loro potere, potenziale e bellezza”
Andreea Lozincă impressiona e ispira molte donne. La 29enne è rimasta senza piede destro dopo un incidente d’auto, ma è riuscita a reinventarsi lavorando duramente in palestra e marciando sui podi della moda in Italia o Francia.
Andreea Lozincă (29 anni) si è trasferita con la sua famiglia in Italia dal 2003. Si è stabilita rapidamente, ha finito il liceo e tutto sembrava andare al meglio. Ma il destino ha reso difficile il test, dopo solo pochi anni. Nel 2007 ha avuto un grave incidente d’auto. È sopravvissuta, ma i problemi sono rimasti. Nel corso del tempo, la sua situazione è diventata sempre più complicata, soprattutto perché i medici italiani hanno risolto la sua diagnosi troppo tardi. “Ho perso la gamba, o piuttosto ho detto ‘Ho fatto un regalo alla scienza’, come mi piace dire, a dicembre 2015, a seguito dell’incidente che ho avuto nel 2007”, racconta con umorismo. “Perché così tardi? Perché ho scoperto solo nell’ottobre 2015 che ho avuto un’infezione grave, l’osteomielite, dal 2008, che non è mai stata adeguatamente trattata. Così, ho deciso di “prendere il male dalla radice”. Peccato che dopo questa operazione, abbiamo avuto altri 10 ricoveri, l’ultimo nell’aprile di quest’anno. Ogni volta che ho avuto la fortuna di scoprire che non era a causa dell’infezione ossea, ma solo sui tessuti del moncone ”, aggiunge Andreea. I problemi non le hanno impedito di diventare madre nel 2010, dopo che aveva incontrato suo marito due anni prima e si erano sposati nel 2009. In effetti, suo marito, Alexander, l’ha sostenuta in tutto ciò che fa e ha fatto. si assicurò che tutti gli incubi dei ripetuti ricoveri e soprattutto della perdita del piede diventassero sopportabili. 
“Dopo l’amputazione è scoppiato qualcosa in me”. In totale, ha subito non meno di 15 operazioni ed è stata ricoverata in ospedale per anni. Manca una gamba nel 2015, Andreea si è svegliata in un importante nodo stradale per il suo destino. Lo sport l’ha aiutata molto nella prima fase. 
“Dopo la mia amputazione è scoppiato qualcosa in me, ho promesso a me stessa che avrei iniziato a muovermi regolarmente, ma non solo per un periodo, ma per il resto della mia vita. Così ho iniziato la stanza due mesi dopo l’intervento e due settimane dopo aver indossato la mia prima protesi. E l’anno scorso ho iniziato a praticare uno sport di montagna chiamato Vertikal o Sky Race, che ho scoperto dopo un periodo molto difficile e stressante della mia vita. Al contrario, non è uno sport facile. Ma penso di aver bisogno di competere con me stesso “, afferma Andreea. 
E proprio di recente, è arrivata in un mondo inaudito fino ad allora, che ha iniziato a scoprire e ha aiutato tanto quanto lo sport. Su suggerimento di un amico, il rumeno ha accettato di esibirsi in una piccola sfilata di moda per una boutique nel nord Italia. E quella che all’inizio sembrava solo una singolare, particolare esperienza, divenne una parte importante della sua vita. Questo è stato seguito da altri eventi in cui ha presentato collezioni di moda e la sua presenza non è passata inosservata.
“L’ultimo importante evento a cui ho partecipato è stato per Phoenix Alternative Models, a Parigi, quest’anno, durante la settimana della moda di Parigi. Fu organizzato all’Hotel des Invalides, un’istituzione storica francese, di fama internazionale. Ho sfilato con le collezioni precedenti e quella appositamente creata per l’occasione, da Fabio Porliod, uno stilista italiano di origini francesi, per spingere, cambiare le regole, i paradigmi della femminilità e della disabilità, nel modo più innovativo e sorprendente possibile. 
Ho risposto alla prima chiamata dell’anno scorso per scoprire se è un buon modo per inviare determinati messaggi e l’ho trovato eccellente. E non solo mi piace, ma è stato dimostrato che il pubblico è molto emozionato e toccato da tali notizie e nel settore della moda in generale. Ecco perché ho deciso di continuare a posare per i marchi e partecipare alle sfilate. Non lo faccio per raccogliere complimenti, perché, francamente, mi mettono a disagio. Devo fare ciò che faccio non per aumentare la mia autostima, ma al contrario, proprio perché ho imparato a credere in me stesso, con il bene e il male, voglio aiutare le donne a vedere il loro potere, potenziale e bellezza, dentro e fuori. esterno “, dice.
Tra gli altri progetti nel mondo della moda, Andreea ha posato per Carolina Amoretti, fotografo e direttore creativo Fantabody, per la collezione “Amazones” e per Micaela Zuliani, fotografa boudoir, nell’ambito del progetto “Ritratto dell’eros” (foto sotto).
Segui il blog di Andreea

Per Micaela, ho deciso di posare per diversi motivi, anche se non è stato facile, tenendo conto del tipo di esposizione. Uno di questi motivi è stata l’idea del progetto stesso, che ho abbracciato senza esitazione. Quello per promuovere la donna vera, autentica, senza discriminazioni e senza ritocco estetico con Photoshop, per cancellare i confini e legittimare qualsiasi tipo di donna. Anche se siamo nel 2019, ci sono ancora molte disinformazione e tabù sull’universo femminile. Attraverso pergamene, servizi fotografici e progetti come il Ritratto dell’eros, d’altra parte, ho scelto di approfondire il concetto di fiducia in se stessi, di vivere e sentire le donne, nonostante gli handicap e le imperfezioni, non solo nella vita pubblica, ma anche nel privato.
Andreea Lozincă modella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: