blog n° 1 - Novembre 2018 storia ULTIMO NUMERO

L’avvento delle Curvy, dalle origini ad oggi

Negli ultimi anni le modelle curvy hanno rivoluzionato il mondo della moda, abbattendo in parte quegli stereotipi che vogliono la donna filiforme e perfetta. E’ palese che un capo su una donna magra scenda meglio e che anche a livello fotografico ritrarre una modella senza curve eccessive ed inestetismi sia più facile, oltre a considerare il fatto che per una passerella la quantità di tessuto usato per 10 modelle sottopeso sia più conveniente per uno stilista rispetto allo stesso numero di donne che pesano poniamo 90 kg. In pratica potrebbero essere il doppio in termini di circonferenza, quindi non stupisce il perchè in tutti questi anni si è scelto di utilizzare questo tipo di donna, al limite dell’anoressia, per promuovere marchi e aziende. Ma le cose iniziano a cambiare nel Febbraio del 2000 quando Vogue Italia, (magazine che tiene a sottolineare le sue battaglie contro l’anoressia) decide di far posare per le cover story, la giovane Sophie Dahl, immortalata dal fotografo Steven Meisel.
Nel novembre del 2010, in un ospedale di Tokyo muore la 28enne modella francese Isabelle Caro, protagonista della contestata campagna di Oliviero Toscani divenuta simbolo della lotta all’anoressia.
Dopo pochi mesi Vogue Italia compie un ulteriore e più incisivo passo avanti, decidendo di mettere in copertina quelle che sarebbero diventate successivamente le icone della moda curvy.Viene scelto ancora una volta il fotografo Steven Meisel che realizza nelle cover story di Giugno 2011, un servizio fotografico interamente dedicato al mondo curvy, con le modelle Candice Huffine, Tara Lynn e Robyn Lawley.Steven Meisel ritrae tre giunoniche ragazze in bianco e nero, lingerie e aria sensuale, accompagnate dalla scritta rossa a caratteri cubitali: “Belle Vere”. Vai alla Photogallery e al video backstage
Passano tre anni e nel 2014 si diffonde a macchia d’olio la battaglia contro il marchio Victoria’s Secret: “Cancella e scusati per la dannosa campagna pubblicitaria della tua nuova linea di reggiseni”. È questo l’inizio di una petizione online (che in poche ore raggiunge più di 800 firme) lanciata da tre ragazze inglesi contro la casa di intimo Victoria’s Secret. Per le tre studentesse il brand americano con la campagna “The perfect bod“, “Il corpo perfetto” è colpevole di  “promuovere uno standard di bellezza poco salutare e decisamente dannoso – si legge sulla petizione pubblicata sul sito Change – una scelta irresponsabile e dannosa che non tiene conto della diversità di ogni donna e sceglie di chiamare ‘perfetto’ un modello di corpo irreale”.
Per Frances Black, Gabriella Kountourides e Laura Ferris “ogni giorno le donne sono bombardate da messaggi pubblicitari mirati a farle sentire insicure del loro corpo per convincerle a spendere soldi in prodotti che si suppone possano renderle più felici e belle;  un marchio così noto non dovrebbe lanciare messaggi sbagliati e giocare sulle insicurezze delle donne, proponendo un unico modello di corpo, mettendo in fila modelle tutte uguali sottili e fin troppo magre. Pubblicità di questo tipo non fanno altro che far abbassare l’autostima di ogni donna e farle credere di essere inadeguata e poco attraente perché incapaci di rientrare nello standard di bellezza che gli viene proposto. Una pubblicità che incoraggia il diffondersi di gravi disturbi alimentari e di salute nel mondo femminile. E che per questo, deve essere fermata”. Ma la vera svolta arriva nel 2015 con la pubblicazione Sport Illustrated che vede la modella Ashley Graham in copertina, rompendo i canoni di bellezza portati avanti fino a quel momento.

Ashley Graham: la modella curvy su Sports Illustrated che rompe i canoni di bellezza.

Screen-Shot-2018-05-23-at-15.12.51
La splendida top Ashley Graham diventa così la prima modella “curvy” a entrare nella storia dello «Swimsuit Issue» di Sports Illustrated, nel numero speciale della rivista sportiva dedicato alle bellezze in costume da bagno. Il marchio pubblicizzato si chiama “Swimsuitsforall”, costumi per tutte…Il mondo della moda apre le porte alle ormai conclamate top model curvy, amate soprattutto dal popolo social e dai followers di instagram che le seguono costantemente.
Nel 2015 un altro passo importante è rappresentato dal CALENDARIO PIRELLI che regala per l’edizione 2015 una novità assoluta: a posare davanti all’obbiettivo di Steven Meisel c’è anche Candice Huffine, la modella americana tutta curve. 29 anni, 90 chili di peso per oltre 180 cm di altezza, è decisamente diversa dagli standard tradizionali delle modelle. E mette in mostra orgogliosa le sue morbidezze, anche in una versione assolutamente bollente. Guarda le foto e il video qui
Nel frattempo Lane Bryant, noto brand di abiti per donne plus-size, decide di lanciare una linea di lingerie sexy, Cacique e occuparsi di una campagna pubblicitaria in contrapposizione a quella di Victoria’s Secret chiamata “Non sono un angelo”. L’obiettivo è quello di dimostrare che tutte le donne sono sexy a prescindere dalla loro taglia e dall’ideale di bellezza che ci viene trasmesso dai media. Nel dietro le quinte del backstage, le modelle curvy, Ashley Graham, Maquita Pring, Candice Huffine, Victoria Lee, Justine Legault ed Elly Mayday, si mostrano in tutta la loro bellezza e dichiarano orgogliose: “I’m no angel”. Un video tutto da guardare, per una campagna ironica che ha conquistando il web e le donne “normali” che vanno fiere del proprio corpo. Guarda il video
Ma la provocazione contro il marchio Victoria’s Secret non finisce qui, infatti Ashley Graham sul suo profilo instagram ironizza con l’evento di moda che ha escluso le indossatrici più formose dalle sue passerelle postando una foto che la ritrae durante una sfilata del brand Addion Elle, di lingerie curvy, che riporta la scritta “Ho anche io le mie ali!”La foto che la ritrae in lingerie e con le ali tipiche degli ‘angeli’ che sfilano durante il Victoria’s Secret Show è piaciuta molto ai suoi follower: “Sei bellissima. Grazie perché ti batti in nome di tutte noi ragazze robuste”, scrive un utente.
Anche  Tess Holliday, modella curvy, 29enne mamma di un bambino, con un passato difficile, è la prima donna con le sue misure ad aver firmato un contratto con l’agenzia di modella MiLk Model Management. La direttrice dell’agenzia l’ha notata su Instagram ed è rimasta colpita dalle sue foto, dal numero di followers, “Ho capito che Tess ha un ruolo importante per tantissime donne”. E così è arrivato il contratto. Tess non dimentica, però, la sua sofferenza e lancia la campagna globale racchiusa nell’hastag #effyourbeautystandards per lottare contro i canoni di bellezza tradizionale.
Un ‘altra provocatrice tutta curve è Tabria Majors, modella statunitense ‘curvy’ sempre più famosa sul web, grazie all’ennesima sfida agli ‘Angeli’ di Victoria’s Secret.In un post su Instagram, Tabria ha realizzato tre scatti nelle stesse pose e con gli stessi capi di lingerie indossati dalle modelle della celebre casa di intimo. Voglio solo dimostrare che anche le ragazze ‘curvy’ possono spaccare e far vendere lingerie come le modelle ‘tradizionali’». .
plus-size-model-recreates-victoria-secret-photos-tabria-majors-5a041394de479__7001
plus-size-model-recreates-victoria-secret-photos-tabria-majors-6-5a040a88263b0__700-1
plus-size-model-recreates-victoria-secret-photos-tabria-majors-22

IN ITALIA elisa-dospina-891x330 Da sempre impegnata in campagne per promuovere una bellezza “più morbida”, in Italia c’è Elisa D’Ospina che dichiara candidamente di godersi le sue curve. Un metro e 80 cm di altezza per 77 kg, la D’Ospina ha definito Ashley Graham “semplicemente bellissima”. Oltre a Elisa (autrice del libro “Una vita tutta curve), sono molte le modelle over size lanciate e affermate nel mondo della moda: richieste non solo dai marchi che vestono le taglie forti.        

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...