blog

Musée d’Orsay – Splendore e miseria. Immagini della prostituzione, 1850-1910.

Fino al 17 gennaio 2016 al Musée d’Orsay è di scena “Splendore e miseria. Immagini della prostituzione, 1850-1910”, una straordinaria mostra dedicata al tema della prostituzione (la prima di questo genere in Europa) che regala al visitatore, attraverso dipinti di Degas, Cezanne, Van Gogh, Manet, Picasso, Munch e Toulouse-Lautrec, ma anche fotografie, sculture, arti decorative e pure filmati pornografici d’epoca.

Prima grande iniziativa dedicata al tema della prostituzione, questa mostra si propone di ripercorrere il modo in cui gli artisti, francesi e non, affascinati dagli attori e dai luoghi di questo fenomeno sociale, hanno instancabilmente cercato nuovi mezzi pittorici per rappresentarne gli aspetti reali e immaginari.

Dall’Olympia di Manet aL’assenzio di Degas, dalle incursioni nelle case chiuse di Toulouse-Lautrec e Munch agli audaci ritratti di Vlaminck, Van Dongen o ancora Picasso, questa mostra intende far luce sul ruolo centrale occupato da questo universo equivoco nello sviluppo della pittura moderna. Il fenomeno è trattato anche dal punto di vista sociale e culturale attraverso la pittura dei Salon, la scultura, le arti decorative e la fotografia. Una ricca documentazione permette infine di alludere allo status ambivalente della prostituta, perennemente in bilico tra lo splendore della donna mondana e la miseria della sgualdrina.

Fonte: Musee Orsay 

Henri-Gervex-rolla
Henri Gervex, Rolla
olympia-700x474Edouard Manet, Olympia

boldini-strada

Giovanni Boldini, Attraversando la strada
il-cliente
Jean-Louis Forain , Il Cliente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...